Veglia 1.jpg
Autunno all'Alpe Veglia
Veglia 21.jpg
Baite dominate dal monte Leone
Veglia 23.jpg
Autunno all'Alpe Veglia
Veglia 3.jpg
Monte Leone
Veglia 32.jpg
Autunno all'Alpe Veglia
Veglia 34.jpg
Autunno all'Alpe Veglia
Veglia 38.jpg
Autunno all'Alpe Veglia
Veglia 40.jpg
Porteia, accesso all'Alpe
Veglia 6.jpg
Autunno all'Alpe Veglia
Veglia 9.jpg
Autunno all'Alpe Veglia
Autunno

Alpe Veglia

L’ Alpe Veglia è uno dei due principali altopiani tutelati dal Parco Naturale Veglia Devero, nel Piemonte settentrionale, ai confini con la Svizzera. In autunno i larici lungo le pendici dei monti che cingono l’alpeggio si colorano di un intenso arancione che rende assolutamente indimenticabili un soggiorno o anche una sola giornata in questo angolo di Piemonte.
La passeggiata principe è, ovviamente, l’accesso all’Alpe: si sale con pendenze severe e costanti lungo una mulattiera davvero impegnativa. La fatica, però, dura poche decine di minuti in quanto il dislivello colmato, per chi sale dai 1300 mslm di Nembro, è inferiore ai 500 metri. Si prende quota rapidamente, dominando una profonda forra scavata dal torrente e poi, quasi all’improvviso, lo scenario cambia: a Porteia, dopo un ponte in pietra, si apre l’Alpe Veglia, con il suo dolce profilo. Suggestivi i villaggi che un tempo ospitavano i pastori che conducevano su questi fertili pascoli i loro armenti!
La salita non è adatta alle mtb salvo si abbiano gambe da vero grimpeur!

Raggiunta l’Alpe Veglia ci si può poi portare verso destinazioni più in quota (in particolare alcuni laghetti), sempre sotto l’occhio vigile del monte Leone.

Clicca per aprire un pop-up (verifica che non siano disabilitati) e visualizzare così una mappa d'insieme della salita da Nembro all'Alpe.

Condividi su  -