000specie3.jpg
Dalla val di Specie (scorri la gallery!)
braies.jpg
Lago di Braies, a due passi dal percorso (scorri la gallery!)
dobbiaco.jpg
Dobbiaco
dobbiaco2.jpg
pratopiazza2.jpg
Prato Piazza
specie1.jpg
Verso il gruppo del Cristallo, salendo in val di Specie
specie2.jpg
Croda Rossa
specie4.jpg
specie6.jpg
specie7.jpg
Lasciati Ispirare

Tra Croda, Cristallo e Tre Cime

Itinerario circolare di straordinario interesse paesaggistico che consente di pedalare lungo un antico tracciato ferroviario, ammirare le Tre Cime di Lavaredo, guadagnare un panoramico alpeggio in quota, avvicinarsi al romantico lago di Braies e congiungersi con le cittadine di Dobbiaco e Monguelfo, sfiorando anche San Candido e Cortina d’Ampezzo.
La versione “breve” evita il tratto da Cortina d’Ampezzo al passo Cimabanche (località Carbonin) che è invece necessaria qualora si parta dalla “perla” delle Dolomiti venete.
Raccontiamo la salita da Dobbiaco, specificando che, a differenza di tanti altri percorsi circolari, questo giro si può intraprendere in entrambe le direzioni, senza che le difficoltà varino sostanzialmente: unica differenza sarà il fondo della salita principale. Da Carbonin si sale su sterrato fino a Prato Piazza e si scende su asfalto verso Ponticello e la val Pusteria, viceversa se da Dobbiaco si scende verso Villabassa per salire a Prato Piazza dalla val di Braies.
Partenza da Dobbiaco (1231 mslm), dunque, e lieve salita lungo l’antico tracciato della ferrovia delle Dolomiti che fino agli anni Sessanta univa la cittadina pusterese a Venezia.
Dalla stazione ferroviaria di Dobbiaco - in attività ancora oggi, lungo la tratta che porta da Bressanone all'Austria passando per la val Pusteria - si inizia a pedalare seguendo le indicazioni per Cortina, lungo il corso del fiume Rienza.
Dopo qualche passaggio su asfalto si pedala sul tracciato sterrato che conduce al lago di Dobbiaco ed alla val di Landro.
Il fondo è buono, compatto.
Proseguendo lungo la traccia, senza dubbi sull'itinerario da seguire, si scorgono le Tre Cime di Lavaredo, un vero e proprio simbolo delle Dolomiti, montagne che da sempre attirano visitatori da tutto il mondo.
Oltre il lago di Landro il tracciato si allontana sempre di più dalla strada statale di Alemagna e si cala in un contesto più tranquillo e rilassante.
Raggiunta, in meno di quindici chilometri, la località Carbonin (1440 mslm), nei pressi del passo Cimabanche e del confine tra Alto Adige e Veneto, si scorgono le indicazioni CAI per Prato Piazza e si prende a salire su una forestale.
E’ una salita mai ripida, mai tecnica ma impegnativa: le costanti pendenze sono alleggerite solo da un sontuoso panorama sul Cristallo e sulla Croda Rossa.
Affascinante, poi, l’incontro con Prato Piazza dove si arriva al km 7.5 dal fondovalle : siamo a quota 1950 mslm ed un paio di chilometri separano il rifugio Vallandro, con le rovine del forte, dal rifugio Prato Piazza, dove inizia la veloce discesa, molto tortuosa e su asfalto sconnesso, verso Ponticello (1495 mslm, km 5.5 dal rifugio Prato Piazza) e la val Pusteria (possibile deviazione verso il lago di Braies).
Giunti in val Pusteria (1205 mslm, km 12) non resta che percorrere la ciclabile di fondovalle fino al punto di partenza, Dobbiaco, che dista ormai solo dieci chilometri.

La salita a Prato Piazza (versante Braies) nei numeri di www.salite.ch (clicca)

Condividi su  -