trekkingpassiria1.jpg
I sentieri della transumanza (foto IMG Suedtirol) - scorri la gallery
trekkingpassiria2.jpg
In val Passiria
trekkingpassiria2b.jpg
Alte quote in val Passiria (foto IMG Suedtirol)
trekkingpassiria3.jpg
Masi e costumi tipici
trekkingpassiria4.jpg
In val Passiria (foto IMG Suedtirol)
trekkingrifiano1.jpg
Sul sentiero della roggia di Rifiano
trekkingrifiano2.jpg
Autunno in bassa val Passiria
trekkingrifiano3.jpg
Autunno lungo il basso corso del Passirio
Alto Adige

Val Passiria

Dai dintorni di Merano fino al cuore delle Alpi di Oetz e di Stubai, la val Passiria è uno scrigno che custodisce tanti tesori segreti. Non è infatti nota quanto meriterebbe ma tra i suoi boschi e le sue radure, tra le sue rocce ed i suoi ghiacciai, regala infiniti panorami ed altrettanti motivi di interesse.

La valle è stata formata, nei millenni, dal corso del torrente Passirio che nasce nei dintorni del passo Rombo (Timmelsalm, alpe del Tumulo) e dopo esser sceso a valle prima impetuoso poi sempre più placido, passa per il centro di Merano (dove la passeggiata Lungo Passirio è una delle più romantiche e caratteristiche della cittadina) e confluisce poi nell'Adige. 
Senza pretese geografiche ma più per una "comodità descrittiva" si possono individuare quattro aree: la media e bassa val Passiria (1), che corre da nord a sud da San Leonardo in Passiria fino a Merano; la valle di Valtina (2), una laterale che si apre verso est da San Leonardo (qui passa la strada per il passo di Monte Giovo); l'alta val Passiria (3), da San Leonardo fino al passo del Rombo, da cui si apre la valle di Plan (4, o Pfelderertal) che corre verso sud-ovest, dominata dalla Hohe Wilde, la "cima Altissima". La stessa alta valle si dirama poi in due tronconi come vedremo tra qualche riga.
Superato San Leonardo ed il bivio per il passo di Monte Giovo, la strada del passo Rombo si allontana ben presto dal fondovalle ed oltre Moso si tiene sempre in quota, lontana dalle zone che, in passato, hanno dato origine a rovinosi movimenti franosi come quello che generò il Kummersee (nel XV secolo). Tale lago (il cui nome in italiano suona come "lago della Tribolazione") generò non pochi problemi alla val Passiria ed alla città di Merano perché i suoi periodici straripamenti trascinavano a valle imponenti quantità d'acqua e di detriti causando morte e distruzione. Nel 1774, durante alcuni lavori volti a ricavare un canale che ne riducesse la pericolosità il lago di svuotò e non si riformò più. Rimane, in sua memoria, un maso denominato ancora oggi Seehof ("maso del lago") ed un sentiero che ripercorre le tracce dell'antico bacino.
L'alta valle tra Moso e fino ad oltre Corvara è un profondo incavo tipicamente glaciale che si dirama infine in due direzioni: la valle del Lago sale verso sud, verso i circhi glaciali del gruppo di Tessa, mentre il corso del Passirio prosegue verso nord, verso le sue sorgenti nel cuore della Timmelsalm, l'Alpe del Tumulo. 
La strada del Rombo, superato il ponte del Tumulo, prosegue verso il valico arrampicandosi tra le rocce ed offrendo una vista sempre più ampia sulla valle del Lago ed il gruppo di Tessa. A due chilometri dallo scollinamento, una galleria consente di cambiare nuovamente bacino idrografico e tornare su quello del Passirio.
Scriverlo è complicato, ma una semplice occhiata alla mappa Kompass dipanerà ogni eventuale dubbio.

Inutile dire, quindi, che la val Passiria regala passeggiate di ogni tipo. In media e bassa valle si possono disegnare passeggiate agevoli, anche lungo le rogge, oppure salire fino sulle creste delle Alpi Sarentine, raggiungibili anche dalla valle di Valtina. Più impegnative e "alpine" in senso stretto le opportunità escursionistiche offerte dalla valle di Plan, dalla valle del Lago e, più in generale, dall'alta val Passiria.
 

PUNTA CERVINA o CIMA HIRZER, 2781 mslm
Dalla stazione a monte Klammeben (sulle montagne sopra Saltusio) ci si avvia verso nordest sull’altipiano della malga Tallner Alm, che giace nella conca in mezzo ai prati pittoreschi di montagna (40a). Dalla Tallner Alm si sale a destra (verso est) sul sentiero Gebirgsjägersteig (E5) inizialmente attraverso la conca erbosa, più tardi poi sul ghiaione e nei passaggi rocciosi abbastanza ripidamente fino ad arrivare al punto più basso della cresta Obere Scharte (E5). 
Alla cresta si gira a sinistra e si prosegue verso nordest al versante della val Sarentino scendendo tra le roccia e sulla ghiaia sotto la cima della montagna. Lì si lascia il sentiero E5 e si sale a sinistra in una svolta larga ed in diversi tornanti sulla cima Hirzer (7). 
Dalla cima Hirzer si ritorna alla forcella Obere Scharte (7). Dalla cresta si scende sul sentiero Gebirgsjägersteig (E5) sulla ghiaia e tra le roccia ripidamante alla malga Tallner Alm (E5). Dalla Tallner Alm alla stazione a monte Klammeben (40a).
L'escursione richiede assenza di vertigini e passo sicuro. Il percorso è infatti roccioso, con alcuni passaggi non facili; dal crinale alla cima si segue il sentiero che sale dalla parte della Val Sarentino: qui il percorso è abbastanza ripido e in parte esposto. L'itinerario è comunque molto frequentato ed è stato ampliato, ove possibile. Una volta in vetta, si gode di una splendida vista.
Clicca per aprire una mappa a cura dell'ufficio turistico locale



ATTORNO A RIFIANO
Tornando più a sud, in bassa val Passiria, una bella escursione si può disegnare nel territorio di Rifiano. Si parte dai masi Oberst a Vernurio, raggiungibili in auto lungo la strada che sale verso Vernurio da Rifiano, un chilometro a nord del paese.
Si segue in sentiero 21a, in direzione Coston del Gallo (Hahnenkamm), e si arriva al pianoro denominato Schafstall (2020 mslm) dopo una salita abbastanza impegnativa.
Dal maso si prosegue lungo il sentiero 21 che in alcune decine di minuti conduce alla malga Obisell, poco distante dal lago di Obisell. Si ritorna al punto di partenza lungo il sentiero 5.
Sempre dai dintorni di Rifiano si può salire lungo la ciclabile fino a Saltusio e poi rientrare sull'altro versante, a mezza costa, percorrendo in parte il sentiero della roggia. Nel dettaglio, da Rifiano si scende, abbastanza ripidamente ma su un'ampia strada, fino alla ciclabile che corre lungo il torrente e si procede in sostanziale pianura fino a Saltusio, tra vigneti e boschi spontanei di latifoglie.
Si attraversa il paese in salita fino ad un ponte su un rio: qui si seguono le indicazioni per il sentiero 4 e poi 10 (Rosslsteig).
La traccia procede ora in un lungo saliscendi, a tratti impegnativo, che regala scorci sia sul versante orientale della bassa val Passiria sia, nel finale, su Rifiano e la sua scenografica chiesetta.
Clicca per aprire in pop-up (verifica di non averli disabilitati) una mappa d'insieme del percorso!


FACILE, A SAN LEONARDO
In media val Passiria si può percorrere una bella passeggiata che da San Leonardo conduce sino a San Martino (ritorno eventualmente con i mezzi pubblici). Dal ponte del paese di San Leonardo si cammina sino alla segheria, si gira a destra presso l'edificio Brauhaus fino alla via Moso. Giunti alla rotatoria si attraversa il ponte verso la pizzeria Brickewirt e poi in direzione Pianlargo. Al primo maso Morrerhof si imbocca il sentiero 4, passando per prati e boschi, si giunge prima al maso Steinerhof e poi all'albergo Christl. Nei pressi dell'albergo si prende il sentiero 3, si passa il maso Abfaltererhof e si continua fino all'albergo Jaufenblick. Da qui il sentiero 3 passa attraverso prati raggiungendo altri due masi: Flonerhof e Altechnerhof.
Sotto il maso Schildhof Steinhaus si raggiunge via Garber, per il centro di San Martino.
Il ritorno avviene lungo il sentiero Lungo Passirio (Passerdammweg) oppure con i mezzi pubblici.


SENTIERO ANDREAS HOFER
Meno di cinque chilometri e solo cento metri di dislivello per il sentiero dedicato all'eroe tirolese, originario proprio della val Passiria.
La facile passeggiata circolare parte all’ufficio turistico di San Leonardo. Si attraversa il ponte d’acciaio per seguire la strada a destra che porta alla chiesa parrocchiale.
Proseguire sulla strada a sinistra passando accanto al ristorante Brühwirt, poi salire fino alla scuola elementare. Svoltare a destra, prendere via Happerg e continuare fino al maso dello scudo Happerg. Qui seguire l’indicazione per Andreas-Hofer-Rundweg fino a via Gerlos.
Attraversare la strada principale e proseguire a destra fino ad arrivare al maso Sandwirt – museo e casa natale di Andreas Hofer.
Il ritorno a S. Leonardo avviene lungo il cosiddetto Gandellenweg (sentiero al di sotto della strada principale).
Clicca per aprire una mappa a cura dell'ufficio turistico locale


IL SENTIERO EUROPEO E5
Il Sentiero Europeo E5 conduce dalla costa atlantica francese fino a Venezia.
Un momento clou è la traversata delle Alpi in quella che ne è considerata la tappa regina. Il suo tracciato è adatto ad escursionisti che vantino buone condizioni fisiche, assenza di vertigini e passo fermo. La tappa regina, percorribile in due o tre giornate, conduce dal rifugio Braunschweiger Hütte, nella valle dell’Ötztal, oltre il passo Rombo, fino ad arrivare a Moso in Passiria. Mentre lungo la valle dell’Ötztal gli altopiani alpini regalano grandiose vedute sui ghiacciai e sulle maestose vette montane e la valle del passo Rombo incanta con i suoi scenari rocciosi, la zona attraversata dopo il valico del passo Rombo presenta vallate digradanti, cascate e ruscelli con paesaggi che, nella suggestiva val Passiria, si fanno più dolci e ampi.
In corrispondenza dei diversi punti di accesso al tracciato si trovano da settembre 2018 apposite steli di benvenuto destinate a orientare e informare.
Lungo il sentiero si susseguono inoltre iscrizioni su massi in pietra, citazioni pensate per invitare il viandante a riflettere sul concetto di limite e di confine.
Al valico di frontiera sul passo Rombo è possibile condividere pensieri e riflessioni in un diario dell’escursionista.
Le novità del tracciato sono state realizzate nell’ambito del progetto transfrontaliero condiviso dal Comune di Moso in Passiria e da Ötztal Tourismus, finanziato dal Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale Interreg V-A Italia-Austria 2014-2020.


SENTIERO DEI LARICI
Trecentocinquanta metri di dislivello per un percorso di medio-basso impegno con uno sviluppo di circa cinque chilometri.
Il cammino parte dal centro del paese di Plata. Seguite la strada principale in direzione Plan e poco dopo la casa dei vigili del fuoco trovate un sentiero che porta su a sinistra ed attraversa boschi e prati. Seguendo il sentiero n. 6 arrivate al casale Farmazon (45 minuti circa).
Qui prendete il sentiero n. 10B, il quale vi porta nella valle di Farmazon. Dopo circa un quarto d'ora di cammino vi troverete davanti ai enormi larici secolari di Plata.
Il sentiero porta ancora più in su, dove avrete la possibilità di sostare. Sul sentiero n.10 ritornare in direzione Plata.
Clicca per aprire una mappa a cura dell'ufficio turistico locale

 

AL RIFUGIO PETRARCA
L'escursione è parte dell'Alta Via di Merano. Non difficile tecnicamente è comunque lunga e supera un bel dislivello: le particolari altitudini raggiunte impongono di verificare non solo la situazione meteo ma anche le condizioni ambientali e di intraprenderla solo nel periodo di apertura del rifugio Petrarca, travolto nel 2014 da una valanga ed oggetto di un'attività di ricostruzione (in funzione con moduli provvisori). La salita richiede quattro ore, chi volesse scendere al maso Gelato, in val di Fosse, una laterale della val Senales, deve mettere in conto circa tre ore.
Si parte a Plan, 1624 mslm, un paese "senz'auto", idillicamente immerso nel verde per raggiungere su ampio tracciato forestale il maso Lazinserhof (1782 mslm) e la malga di Lazins (1860 mslm). Qui inizia la parte più impegnativa della salita che colma un dislivello di circa mille metri fino ai 2875 mslm del rifugio Petrarca, venti metri sotto il passo Gelato (Eisjochl).
Clicca per aprire una mappa a cura dell'ufficio turistico locale


AL VILLAGGIO DEI MINATORI DI MONTENEVE
Il villaggio dei minatori a Monteneve si trova a quota 2355 mslm ed è raggiungibile soltanto a piedi su vari sentieri ben percorribili. Monteneve con i suoi ottocento anni di storia, con il suo affascinante paesaggio alpino e con il rifugio che offre varie specialità culinarie, è diventato una meta ben nota e molto frequentata.
Il nome Monteneve non indica una montagna, ma piuttosto il villaggio dei minatori San Martino con il rifugio e la miniera da visitare.
Dal ponte del Tumulo si segue il segnavia 29, superando la casera Tomelekaser e la malga Obergostalm in direzione del lago Schneeberger. Da qui, seguendo il sentiero dei minatori, si raggiunge il rifugio Monteneve.
Si continua a seguire il segnavia, salendo fino alla forcella della Cintola e scendendo poi al rio Tumulo per raggiungere infine il lago Nero di Tumulo.
Si scende tenendo la sinistra e si arriva alla malga Timmelsalm dove è possibile fermarsi a sostare.
Per tornare al punto di partenza si percorre la strada forestale sino alla strada di Passo del Rombo.
Più di milleduecento metri di dislivello per otto chilometri in salita. Ed altrettanti in discesa!
Clicca per aprire una mappa a cura dell'ufficio turistico locale


LAGO SEEBER
Trecentocinquanta metri di dislivello per uno sviluppo di circa quattro chilometri (per direzione): un'escursione scenografica ma mai difficile che, potendo contare su due malghe come appoggio (Seeberalm e Oberglaneggalm), conduce ad un bel laghetto alpino in cui si specchiano cime e ghiacciai del gruppo di Tessa.
Dal parcheggio Seeber si scende all’inizio di poco sulla stradina e poi si sale l’ultimo pezzo alla malga Seeber Alm (20a).
Il parcheggio Seeber si raggiunge deviando poco prima del primo tornante al km 22 della strada del passo Rombo a sinistra e proseguendo sulla stradina di malga per circa 500 m in discesa.
Dalla malga Seeber Alm (1847 mslm) si prosegue (senza attraversare il torrente) sul fondovalle verso l’interno dove si apre una grande conca. Prima del colle che si innalza al centrovalle si sale il pendio a destra in tornanti per arrivare, dopo aver passato un tratto piano e paludoso, al laghetto Seeber See. In riva al laghetto ci sono tanti posti per sostare e rilassarsi. Chi volesse fare il giro del lago deve fare una grande curva fra il colle ed il pendio della montagna al lato sud per evitare la palude (prima 44, poi 43). 
Dalla riva a monte del laghetto si esce dalla valle salendo prima moderatamente il pendio sinistro della montagna, poi si prosegue in piana su ampi pascoli fino ad arrivare al colle Kopf (43a). Dal colle Kopf si scende a valle attraversando alcuni piccoli ruscelli alla malga Oberglaneggalm (43a).
Dalla malga Oberglaneggalm (2060 mslm) si fanno pochi passi sulla stradina verso la strada del passo Rombo per deviare subito a destra scendendo per un sentiero attraverso il pendio ripido fino a raggiungere la stradina sottostante ed il parcheggio Seeber.
Clicca per aprire una mappa a cura dell'ufficio turistico locale

Su www.cicloweb.net anche diverse pedalate nei dintorni di Merano ed in val Passiria: clicca qui e scopri i più bei percorsi da fare in bicicletta a Merano, lungo la valle dell'Adige, in val Passiria, val Senales e val d'Ultimo

Condividi su  -