00pale3.jpg
Val Venegia (scorri la gallery!)
malgacrel.jpg
Pale di San Martino da malga Crel (scorri la gallery!)
pale2.jpg
Due immagini dalla val Venegia
pale4.jpg
Cimon della Pala da malga Rolle
pradidali1.jpg
Verso il Pradidali
pradidali2.jpg
Nel cuore delle Pale di San Martino
pradidali3.jpg
venegia.jpg
In val Venegia
Trentino

Primiero e San Martino

Quando si nomina San Martino di Castrozza non si possono che ricordare subito le Pale di San Martino: cime, guglie, campanili e pareti verticali oltre i tremila metri che si addossano l'un l'altro in modo unico ed affascinante.
Particolare soprattutto il tramonto quando la dolomia, roccia d'origine corallina che le caratterizza, assume una tonalità "rosata". In Ladinia - a due passi da Primiero e San Martino di Castrozza - questo fenomeno è chiamato "enrosadira".
Da un centinaio d'anni le Pale sono percorse da sentieri ed impegnative vie di ascensione frutto del lavoro di numerosi rocciatori ed alpinisti che, inizialmente accompagnati da cacciatori e pastori locali, si sono dedicati alla conquista di queste vette.

L'area è anche tutelata dal Parco Naturale di Paneveggio-Pale di San Martino esteso per circa 190 chilometri quadrati tra le valli di Primiero, Vanoi e Fiemme: tra i fitti boschi di conifere e sui ripidi pendii sassosi spuntano qua e là cervi, camosci, marmotte e l'aquila reale.

San Martino di Castrozza è una perla dolomitica posta a quasi 1500 metri di altitudine al cospetto delle Pale ed è animata da un'intensa vita mondana.

I paesi del fondovalle, nella conca verde del Primiero, pur se cresciuti per lo sviluppo turistico conservano ed espongono a tutti i visitatori i caratteri tipici dell'edilizia alpina: un piccolo mondo tra le montagne, ricco di tradizioni, memorie storiche ed artistiche. Permane dunque un grande patrimonio di affreschi, palazzi ed esposizioni di antichi mestieri, chiese e la tradizione del legno lavorato. Il principale è Fiera, con un bel centro storico di indubbia eleganza.
Mezzano, frazione di Imer, è "uno dei borghi più belli d'Italia": si respira ancora l'aria di un passato, recente, fatto di agricoltori, pastori, cavatori di pietra e taglialegna.

Condividi su  -