Più di mille itinerari per pedalare e camminare, centinaia di guide alle località più interessanti delle Alpi e degli Appennini senza dimenticare i laghi ed anche le coste del Nord Italia.
In sella o scarponi ai piedi tante idee per vivere giornate e vacanze indimenticabili! Chi siamo per spiegare il nostro sito e la filosofia! Il blog per aggiornamenti e novità!
E se vuoi arrivare direttamente a ciò che cerchi usa la lente in alto a destra! 

Itinerario del giorno

Lungo l'Adige in Vallagarina
Lasciati Ispirare

Lungo l'Adige in Vallagarina

il tratto roveretano di un lungo percorso tra tre province e due regioni

In bici lungo la via Claudia Augusta 
tra vigneti e castelli del Trentino 

"Novanta chilometri di pista ciclabile collegano il Nord e il Sud del Trentino. Pedalando lungo il fiume Adige, da Trento raggiungerete Borghetto, a una manciata di chilometri da Verona.
Fate sosta a Besenello e Calliano per ammirare l’imponente complesso fortificato di Castel Beseno, che dall’alto domina la Vallagarina, e Castel Pietra, teatro di importanti battaglie. Ritornate poi verso Nomi dove, nei pressi del ponte sul fiume, potrete soffermarvi ad ammirare gli uccelli migratori che sostano nel biotopo del Taio.
A Rovereto, città della Pace, vi suggeriamo di fare tappa per visitare i musei cittadini, tra arte, storia e scienza. Al Mart e a Casa d’Arte Futurista Depero, regalatevi una passeggiata nell’arte contemporanea. Un percorso nella memoria, che dalle due guerre mondiali arriva fi...

Continua a leggere...

Ultima News

Catinaccio ... giardino delle rose?
News

Catinaccio ... giardino delle rose?

storia, leggende e ... romanticismo attorno al nome dello splendido gruppo

Siamo tutti convinti che lo splendido Catinaccio sia chiamato in tedesco "Rosengarten", ovvero "giardino delle rose" in omaggio alle tante leggende che raccontano dell'epopea di Re Laurino e delle sue vicende. C'è chi racconta che tentò un rapimento e fu tradito dal giardino e c'è chi, invece, narra che il giardino, così incantevole, gli costò una figlia.
Quale che sia la vicenda, alla fine della favola Re Laurino maledice il giardino: "né di giorno né di notte nessuno potrà più ammirarti". Dimentica però alba e tramonto ... ed è così che in questi momenti del giorno le pareti dolomitiche si tingono del caratteristico colore rosa-arancio che, in ladino, prende il nome di "enrosadira".

In realtà, probabilmente anche il nome tedesco, come que...

Continua a leggere...